Workshop di fotografia sottosopra

18 Febbraio 2016
Posted in Sottosopra
18 Febbraio 2016 Sottosopra comunicazione

Workshop di fotografia sottosopra

Lavorare tutto il giorno con le immagini non significa essere in grado di riprodurle con una macchina fotografica in manuale. Sarebbe come chiedere a un allenatore di mettersi in porta a parare un rigore. Ma a noi piace scendere in campo e così nel programma di formazione Sottosopra è spuntato il workshop di fotografia. Insegnante, Sir Bart Herreman. Nella definizione degli obiettivi del corso c’è chi ha espresso interesse verso lo still-life, chi verso il ritratto, chi verso l’architettura e chi verso il gatto nero che si muove al buio.

Quella che potrebbe essere scambiata come una forma di indisciplina collettiva è in realtà la rivelazione di una grande passione. Grazie a Bart per la pazienza e per averci illuminati su una prima grande verità: lui non usa mai il flashettino.

workshop_sottosopra_Bart_Herreman_2

ecco cosa succede quando si usa il flashettino!

ecco cosa succede quando si usa il flashettino!

Sottosopra comunicazione

Sottosopra è prima un modo di essere. Poi un’agenzia di comunicazione, con un logo che la dice lunga sulla quadratura delle nostre campagne online e offline. Quale che sia il piano media o il budget, la nostra natura non cambia: abbiamo grovigli per la testa, sì. Ci caliamo nei panni dei clienti, contravveniamo alle abitudini, creiamo un groviglio di idee, ricaviamo un concept creativo solido e molto social. In genere coraggioso e non palloso.

Commenti?