Le migliori App per visitare i musei

18 Luglio 2019 Sottosopra Comunicazione

Le migliori App per visitare i musei

“Quando entri in un museo ti serve la guida giusta!”

Giorni fa vi abbiamo parlato di quanto sia ormai importante, per un museo, trasformarsi in un brand vero e proprio, per riuscire ad attrarre, coinvolgere ed emozionare il proprio pubblico, sempre più esigente e sempre più informato.
Grazie alla moderna tecnologia oggi è possibile rendere i musei più accessibili e creare esperienze di visita ancora più emozionanti e costruttive.
Con l’ausilio della realtà aumentata, del riconoscimento delle immagini e di diversi supporti audio e video, è ormai possibile creare apposite App (per smartphone e per tablet) per arricchire la visita al museo con un qualcosa in più, sia per gli adulti che per i bambini. 
Così, in vista delle vacanze, dopo avervi elencato le 10 App irrinunciabili da portare in viaggio con voi, ne abbiamo selezionate altre da utilizzare in alcuni musei del mondo.

Immagine e logo di KeyArt app per visitare musei

KeyArt

Una delle più utilizzate è senza dubbio KeyArt (gratuita e disponibile per iOS e Android), che usa realtà aumentata, fotocamera dello smartphone e riconoscimento immagini per guidare l’utente nel corso della sua visita a una mostra, in un museo o in una galleria.
KeyArt è disponibile per i principali musei del mondo, la Tate Modern e la National Gallery di Londra, i Musei Vaticani a Roma, la Galleria degli Uffizi a Firenze o il Metropolitan Museum di New York e via dicendo. È dotata di un’interfaccia molto semplice e chiara, totalmente user friendly e ricca di molte informazioni. 

Immagine e logo di QuickMuseum app per visitare musei

QuickMuseum 

È l’app che guida i visitatori nei principali musei europei, in un modo divertente e coinvolgente, attraverso percorsi personalizzati, quiz, tour a tempo o aneddoti raccontati con un linguaggio semplice e alla portata di tutti. Ogni storia raccontata è diversa rispetto a quelle disponibili solitamente nelle normali audio guide, e svela al visitatore tutte le curiosità che ogni opera nasconde.
Le storie, create da blogger attivi appunto nel campo dell’arte, vengono recitate da attori professionisti: l’obiettivo di QuickMuseum è quello di parlare a un pubblico eterogeneo e con la voglia di scoprire.

Immagine e logo di Go MUSE app per visitare museo di Trento

GO!Muse

È di ultima generazione l’app del MUSE, il Museo delle Scienze di Trento, che regala una splendida esperienza di realtà aumentata ai visitatori.
Il connubio di smartphone e beacon consente di dire addio alle vecchie audio guide e di utilizzare invece un’app ricchissima di contenuti, con oltre 150 video di approfondimento, interviste e tantissime immagini a 360°.
Grazie alla presenza di oltre cento iBeacon, l’app è infatti in grado di mostrare i contenuti multimediali al visitatore, per arricchire la visita, con la possibilità di scegliere tra percorsi liberi o guidati. 

immagine e logo spazi900 app per visitare biblioteca nazionale di Roma

Spazi900

Sempre da una tecnologia basata sui beacon nasce Spazi900, l’app della Biblioteca Centrale di Roma, che mette i visitatori letteralmente “faccia a faccia” con scrittori e poeti.
Come? Semplice: grazie all’app è possibile scoprire tutti gli autori presenti nelle sale, leggere le storie e vedere su smartphone e tablet fotografie, video, carte autografate e oggetti che li riguardano. Questi contenuti rimangono disponibili anche lontano dalla Biblioteca, per consentire a chi lo desideri di approfondire la visita a casa.

MoMA, Uffizi & co.

Alcuni dei principali musei del mondo hanno sviluppato delle proprie app che forniscono tour virtuali, contenuti extra, approfondimenti e goodies per gli utenti. Tra i più importanti troviamo il British Museum di Londra, l’Hermitage di San Pietroburgo, il Rijksmuseum di Amsterdam, il MoMA di New York, e gli Uffizi di Firenze. 

E a chi invece dovesse (purtroppo) andare in vacanza un po’ più in là e non in questi mesi estivi, consigliamo nel frattempo un viaggio virtuale con gli splendidi tour a 360° dei principali musei e siti archeologici del mondo di Google Arts & Culture.


Ti potrebbe interessare anche

Commenti?