Le migliori app per rendere la visita dei musei ancora più immersiva

30 Giugno 2023 Sottosopra Comunicazione

Le migliori app per rendere la visita dei musei ancora più immersiva

Realtà aumentata, realtà virtuale e interazione digitale: ecco le 5 app per visitare i musei

“Quando entri in un museo ti serve la guida giusta!”

È ormai risaputo quanto sia importante, per un museo, trasformarsi in un brand vero e proprio, per riuscire ad attrarre, coinvolgere ed emozionare il proprio pubblico, sempre più esigente e sempre più informato.
Grazie alla moderna tecnologia oggi è possibile rendere i musei più accessibili e creare esperienze di visita ancora più emozionanti e costruttive.
Con l’ausilio della realtà aumentata, del riconoscimento delle immagini e di diversi supporti audio e video, è ormai possibile creare apposite app per visitare i musei, che permettono di arricchire la visita con un qualcosa in più, sia per gli adulti che per i bambini. 

Musei e tecnologia: com’è cambiato l’accesso alla cultura

La tecnologia ha avuto un impatto significativo sul modo in cui visitiamo i musei, offrendo nuove opportunità ed esperienze interattive. Sono diversi i modi in cui, nel tempo e con lo sviluppo di app e tecnologie sempre più performanti, il settore tech-digital ha cambiato il nostro approccio alla visita dei musei, arricchendo le visite ai musei, offrendo opportunità di apprendimento interattivo, accesso remoto grazie a realtà virtuale e aumentata e un coinvolgimento emotivo più profondo con le opere d’arte. Ecco quali sono le tecnologie che sono state introdotte nei musei e quali sono le migliori app per rendere la visita ancora più immersiva.

Lo sviluppo di applicazioni

Molti musei hanno sviluppato app per visitare gli spazi che offrono informazioni dettagliate sulle opere esposte, guide audio, mappe interattive e itinerari personalizzati. Queste app consentono ai visitatori di esplorare i musei con i propri tempi e di capire le opere d’arte grazie a questi strumenti culturali di supporto.

La realtà aumentata 

Anche la realtà aumentata (AR) è diventata fondamentale nelle visite dei musei: grazie a questa tecnologia i visitatori possono interagire con le opere esposte in modi innovativi e solo grazie all’utilizzo dello smartphone, visualizzando elementi digitali sovrapposti alle opere d’arte, come animazioni, informazioni aggiuntive o ricostruzioni virtuali, che permettono una visita ancora più immersiva e una comprensione approfondita, ma non banale, dell’opera d’arte.

La realtà virtuale

Un’altra tecnologia che, soprattutto in tempo di Covid & lockdown ci è stata d’aiuto, è la realtà virtuale (VR), che ci ha permesso di passeggiare per musei e collezioni d’arte pur dovendo rimanere chius* in casa

L’interazione digitale

Alcuni musei incoraggiano l’interazione digitale durante le visite, offrendo schermi touch interattivi o esperienze di gioco che coinvolgono gli spettatori nella comprensione delle opere d’arte. Ciò rende l’esperienza più coinvolgente, soprattutto per i visitatori più giovani.

App per musei: le migliori

Come dicevamo, le applicazioni create per i musei consentono agli adulti, ma soprattutto ai più giovani, di esplorare le opere d’arte in modo ancora più approfondito, di divertirsi, di apprendere maggiori informazioni sugli artisti o, ancora più affascinante e coinvolgente, di assistere alla rappresentazione virtuale di creature come i dinosauri, grazie alla realtà aumentata. Ecco le migliori app per visitare i musei, da provare per rendere un’esperienza culturale divertente e unica.

Immagine e logo di KeyArt app per visitare musei

KeyArt

Una delle app per visitare i musei più utilizzate è senza dubbio KeyArt (gratuita e disponibile per iOS e Android), che usa realtà aumentata, fotocamera dello smartphone e riconoscimento immagini per guidare l’utente nel corso della sua visita a una mostra, in un museo o in una galleria.

KeyArt è disponibile per i principali musei del mondo, la Tate Modern e la National Gallery di Londra, i Musei Vaticani a Roma, la Galleria degli Uffizi a Firenze o il Metropolitan Museum di New York e via dicendo. È dotata di un’interfaccia molto semplice e chiara, totalmente user friendly e ricca di molte informazioni. 

Immagine e logo di QuickMuseum app per visitare musei

QuickMuseum 

Tra le migliori app per visitare i musei troviamo quella del MUSE, il Museo delle Scienze di Trento, che regala una splendida esperienza di realtà aumentata ai visitatori. Il connubio di smartphone e beacon consente di dire addio alle vecchie audio guide e di utilizzare invece un’app ricchissima di contenuti, con oltre 150 video di approfondimento, interviste e tantissime immagini a 360°. Grazie alla presenza di oltre cento iBeacon, l’app è infatti in grado di mostrare i contenuti multimediali al visitatore, per arricchire la visita, con la possibilità di scegliere tra percorsi liberi o guidati. 

Immagine e logo di Go MUSE app per visitare museo di Trento

GO!Muse

Tra le migliori app per visitare i musei troviamo quella del MUSE, il Museo delle Scienze di Trento, che regala una splendida esperienza di realtà aumentata ai visitatori.

Il connubio di smartphone e beacon consente di dire addio alle vecchie audio guide e di utilizzare invece un’app ricchissima di contenuti, con oltre 150 video di approfondimento, interviste e tantissime immagini a 360°.

Grazie alla presenza di oltre cento iBeacon, l’app è infatti in grado di mostrare i contenuti multimediali al visitatore, per arricchire la visita, con la possibilità di scegliere tra percorsi liberi o guidati. 

immagine e logo spazi900 app per visitare biblioteca nazionale di Roma

Spazi900

Sempre da una tecnologia basata sui beacon nasce Spazi900, l’app della Biblioteca Centrale di Roma, che mette i visitatori letteralmente “faccia a faccia” con scrittori e poeti. Come? Semplice: grazie all’app è possibile scoprire tutti gli autori presenti nelle sale, leggere le storie e vedere su smartphone e tablet fotografie, video, carte autografate e oggetti che li riguardano. Questi contenuti rimangono disponibili anche lontano dalla Biblioteca, per consentire a chi lo desideri di approfondire la visita a casa.

    App musei

Google Arts & Culture (disponibile su dispositivi Android e iPhone/iPad) rappresenta una delle migliori applicazioni per esplorare le opere d’arte dei musei direttamente dal proprio telefono. L’applicazione include una vasta selezione dei musei più importanti e dei siti archeologici di tutto il mondo, offrendo la possibilità di accedere a tour guidati in modalità 360 gradi. Le foto ad altissima risoluzione e i dettagli precisi offrono un’esperienza coinvolgente e, come per tutte le applicazioni Google, anche questa dedicata all’arte dispone di un potente motore di ricerca che consente di trovare informazioni culturali su qualsiasi argomento, evento o luogo.

Accesso alle collezioni & tour virtuali 

Alcuni dei principali musei del mondo hanno sviluppato delle proprie app che forniscono tour virtuali, contenuti extra, approfondimenti e goodies per gli utenti, per permettere anche a chi è lontano, o non ha la possibilità di essere fisicamente in quel museo, di avere accesso alle collezioni. Tra i più importanti troviamo il British Museum di Londra, l’Hermitage di San Pietroburgo, il Rijksmuseum di Amsterdam, il MoMA di New York, e gli Uffizi di Firenze. Un modo per permettere alle persone di esplorare virtualmente opere d’arte e manufatti da tutto il mondo, ampliando l’accesso culturale ad un pubblico più vasto. 

 


Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *