Instagram: come fare Stories e Reels di successo

21 Aprile 2021 Sottosopra comunicazione

Instagram: come fare Stories e Reels di successo

[Attenzione! Articolo per dummies e clienti fai da te in cerca di consigli]

Che siate un brand, un influencer o un comune utilizzatore social il presupposto principale è uno: i vostri follower sono interessati a quello che fate, dite, pensate per cui il vostro obiettivo principale sarà quello di mantenere vivo questo interesse tramite la pubblicazione di contenuti coinvolgenti fino ad arrivare ad ampliare la vostra audience.

Instagram, in particolare, offre tantissimi strumenti per la creazione e condivisione di contenuti. In questo articolo andremo a parlare nel dettaglio di Instagram Stories e di Reels ma non basta solo farli per avere successo! Ve lo ricordate il famoso proverbio che recita: “Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace”? Ecco, in particolare quello che piace all’algoritmo di Instagram. Quindi dovete sì creare contenuti belli, ma dovete anche e soprattutto creare contenuti che piacciano, che intrattengano o che siano utili. Dopotutto, ormai si sa, like chiama like.

Vediamo quindi come fare Reels e Stories di successo.

Sia i Reels che le Stories sono contenuti informali, più conviviali rispetto ai classici post o ai video pubblicati su IGTV.

Ma passiamo subito al concreto e a quelli che sono i nostri consigli per fare Reels e Stories di successo avvalendoci, perché no, anche di qualche app (vi consigliamo il nostro articolo 5 App per creare Instagram Stories perfette).

  • Far vedere il backstage di qualche progetto. Da sempre andare dietro le quinte a teatro o ai concerti è un privilegio, grazie ai social questo privilegio è estendibile a un numero potenzialmente infinito di persone ma non per questo ha meno valore per i follower, anzi.
  • Creare brevi tutorial pratici di qualsiasi genere: “come creare Instagram Stories di successo” oppure “come cambiare una gomma in pochi semplici passaggi” oppure ancora “la mia ricetta”.
  • Fare video con suggerimenti, tips, pillole, brevi contenuti che rispondono alle domande che i follower non vi hanno fatto ma che sono proprio le domande a cui cercavano una risposta.
  • Riproporre i contenuti attuali. Seguire quindi i trend e le challenge e cercare di riproporle in modo originale. Quando non sapete cosa guardare su Instagram invece che cercare in continuazione video di gattini passate molto tempo nella sezione esplora per spiare quali sono i contenuti che vanno per la maggiore.
  • Coinvolgere, coinvolgere, coinvolgere. Forse l’abbiamo già detto ma dovete cercare di coinvolgere il più possibile i vostri follower per farli sentire partecipi. Create quindi una vostra challenge e sfidateli!

Se questi tips sono adattabili sia alle Stories che ai Reels va anche detto che tra i due ci sono delle differenze. 

 Come creare Instagram Stories coinvolgenti

Ricordiamoci intanto che le Stories danno un senso di prossimità perché permettono di entrare nella quotidianità del creatore ma sono anche fugaci: hanno una durata di 15 secondi per i contenuti video e di 8 per i contenuti fotografici e hanno un ciclo di vita di 24h prima di autodistruggersi. No, non si autodistruggono, per il creatore rimarranno sempre visibili in archivio ma dopo questo arco temporale non saranno più visibili per i follower a meno che non vengano inserite nei contenuti in evidenza sulla propria pagina. Ecco, quindi, altri piccoli consigli per creare le vostre Stories:

  • Condividere contenuti live, brevi racconti di vita che permettano ai follower di fare capolino nella vostra quotidianità e sentirsi più partecipi, come se fosse un Truman Show moderno.
  • Creare contenuti coinvolgenti (ancora? Sì, ancora) che chiamino i follower all’azione come ad esempio quiz, sondaggi e domande. Questo permette di far sentire chi risponde parte di una community.
  • Utilizzare il box delle domande per permettere ai follower di entrare in relazione con voi. Questa modalità permette anche di trovare sempre nuovi spunti e capire che cosa interessa maggiormente chi vi segue.
  • Ricondivisione Stories in cui siete stati taggati. Questo vale soprattutto per i brand: se è qualcun altro a parlare (bene) di voi questo avrà un impatto maggiormente positivo sui follower.

Come attirare l’attenzione con Reels creativi

A differenza delle Stories i Reels, che sono la risposta di Instagram a TikTok, sono contenuti esclusivamente video con una durata variabile di 15 o 30 secondi in cui l’obiettivo è sbizzarrire la fantasia del creator grazie all’utilizzo di musica, tracce audio, effetti speciali, sticker e molto altro. C’è un solo obbligo: essere creativi. Ecco alcuni consigli pratici per rendere i vostri Reels più accattivanti:

  • Creare video transition. Certamente vi sarà capitato di vedere Reels in cui le persone fanno un cambio d’abito in una frazione di secondo (citerei il genitore TikTok). Non sono tutti diventati improvvisamente dei trasformisti, si tratta proprio di una delle tipologie più popolari di Reels che, volendo, è declinabile anche in una transizione spaziale che fa apparire prima in una grigia Milano e dopo pochi frame su una spiaggia delle Maldive (magari!).
  • Far vedere una trasformazione before-after. Che sia personale o di un marchio non importa ma ai vostri follower interesserà vedere una vostra evoluzione nel tempo.
  • Creare elenchi. Della vostra lista della spesa non interessa a nessuno (forse) ma invece potrebbe interessare una vostra top ten di libri, film, viaggi o perché no, di dispostivi tech. Una carrellata di vostri preferiti o suggeriti rispetto ad un determinato argomento con una bella base musicale che ne scandisca la successione terrà i vostri follower incollati allo schermo. Insomma, anche in questo caso si tratta semplicemente di aprire le porte alla creatività.

Tutto molto bello ma all’inizio abbiamo detto che un contenuto per essere apprezzato dagli utenti deve prima passare al vaglio dell’algoritmo di Instagram. Vediamo quindi alcuni consigli tecnici per Reels e Stories di successo.

4 Consigli pratici per piacere all’algoritmo di Instagram

  1. Inserire anche nelle Stories e nei Reels testi, hashtag, menzioni, geolocalizzazioni per permettere di indicizzare correttamente il contenuto affinché venga visualizzato da più persone possibili con interessi compatibili. Più cose dite all’algoritmo più semplice sarà per lui smistare il vostro contenuto.
  2. Le parti testuali si possono nascondere, soprattutto gli hashtag che magari “sporcano” il contenuto: basta trascinarli lateralmente finché non escono dallo schermo visibile; rimarranno quindi collegati ma i follower non vedranno gli hashtag ma il contenuto “pulito”. Certo, se i testi sono funzionali, ad esempio nel riproporre una challenge, allora sarà meglio lasciarli visibili.
  3. Scrivere sempre i testi. Anche quando condividete dei video parlati inserite dei testi riassuntivi o delle parole chiave visibili, perché molte persone guardano i video senza audio, semplicemente perché magari in quel momento sono al lavoro (beccati!).
  4. Per le Stories l’algoritmo di Instagram predilige i contenuti animati a scapito delle immagini statiche. Se condividete quindi delle fotografie arricchitele con i tool messi a disposizione direttamente dal social come sticker o gif: questo basterà per renderli abbastanza animati da sembrare mini video.

Ora che vi abbiamo svelato qualche trucchetto andate, create, condividete e catturate like!

Potrebbe interessarti anche

Sottosopra comunicazione

Sottosopra è prima un modo di essere. Poi un’agenzia di comunicazione, con un logo che la dice lunga sulla quadratura delle nostre campagne online e offline. Quale che sia il piano media o il budget, la nostra natura non cambia: abbiamo grovigli per la testa, sì. Ci caliamo nei panni dei clienti, contravveniamo alle abitudini, creiamo un groviglio di idee, ricaviamo un concept creativo solido e molto social. In genere coraggioso e non palloso.