I quattro vantaggi dell’intelligenza artificiale nel design grafico e nel copywriting

25 Ottobre 2022
Posted in Digital
25 Ottobre 2022 Sottosopra comunicazione

I quattro vantaggi dell’intelligenza artificiale nel design grafico e nel copywriting

Probabilmente sapete che l’intelligenza artificiale (AI) è diventata quasi onnipresente nel mondo digitale. Le applicazioni e i servizi basati sull’IA sono ora in grado di riconoscere i volti, comprendere le parole pronunciate, rilevare le emozioni, guidare le automobili e persino scrivere musica originale. In effetti, alcuni pensano all’IA come a una sorta di soluzione finale che risolverà per sempre tutti i nostri problemi. È vero che l’IA è perfetta per automatizzare i compiti e risolvere i problemi troppo difficili o troppo monotoni per l’uomo. In altre parole, l’IA rende le cose più semplici e veloci, facendo risparmiare tempo e denaro nel lungo periodo. Che cosa significa questo per i grafici e i copywriter? È un’altra minaccia alla sicurezza del vostro lavoro? Beh… non esattamente. Dovreste invece considerarla un’opportunità per sfruttare la potenza dell’intelligenza artificiale e far progredire la vostra carriera verso nuovi traguardi. Ecco perché:

L’intelligenza artificiale può farvi risparmiare tempo e fatica

Se state cercando un vantaggio immediato nell’implementazione dell’IA nel vostro lavoro, è questo. Quando si tratta di progettazione e creazione di contenuti, il tempo e le risorse non sono mai abbastanza. Gli strumenti di intelligenza artificiale possono aiutarvi a portare a termine i vostri compiti più rapidamente e a ottenere un risultato migliore con un minore sforzo da parte vostra. Per esempio, supponiamo di dover progettare un banner per un evento imminente. Dovete trovare le immagini che si adattano al tema e disporle nel modo desiderato dal cliente. In passato, dovevate creare diverse versioni del banner e inviarle al cliente per avere un riscontro. Oggi è possibile utilizzare un potente strumento di intelligenza artificiale come i servizi di Adobe Cloud per trovare le immagini giuste, ritagliarle e disporle nel giusto ordine. Lo strumento si occuperà anche del rendering delle diverse versioni del banner, in modo da non dover dedicare ore al progetto.

L’AI ha una migliore capacità di riconoscere gli oggetti

Uno dei maggiori problemi dell’IA è che i computer hanno ancora difficoltà a riconoscere oggetti e immagini. Molti hanno cercato di risolvere questo problema alimentando i computer con grandi quantità di dati. Questo metodo si chiama apprendimento automatico ed è alla base dei moderni algoritmi di IA. Oltre al fatto che le macchine hanno bisogno di una grande quantità di informazioni per apprendere, c’è una questione più importante da considerare. Quando si alimenta un computer con una certa serie di dati, lo si sta programmando per riconoscere solo quelle immagini. Non c’è modo di riprogrammarlo per riconoscere qualcos’altro, il che significa che vedrà sempre le stesse immagini nello stesso modo. Ciò significa che si potrebbe risolvere uno dei problemi più comuni dell’intelligenza artificiale, ma allo stesso tempo si crea un nuovo problema: Questo è un problema reale per i grafici e i copywriter. Hanno bisogno di riconoscere immagini e forme per creare il miglior contenuto visivo possibile. Ad esempio, quando si crea un poster, è necessario capire la forma dell’edificio che rappresenta. Bisogna anche sapere che tipo di persone lo vedranno, quali sono i loro sentimenti e cosa hanno bisogno di sentire. Utilizzando il riconoscimento delle immagini basato sull’intelligenza artificiale, probabilmente si otterranno i risultati migliori per le immagini semplici. L’architettura e vari altri oggetti offrono molta libertà, quindi il computer può riconoscerli più facilmente. Tuttavia, quando si tratta di persone, espressioni ed emozioni, il computer avrà qualche problema.

L’AI può aiutare l’ideazione creativa

Da decenni gli esseri umani discutono se le macchine possano essere creative o meno. Tuttavia, i computer si sono evoluti al punto che l’IA può effettivamente aiutare l’ideazione. Molti designer e scrittori usano moodboard per raccogliere immagini e testi che danno loro ispirazione per un progetto. Una moodboard è come un puzzle mentale che si compone per comprendere il quadro generale e creare contenuti visivi coerenti. Le immagini e i testi che includete nella vostra mood board riflettono il tono del vostro progetto, il tipo di persone che volete raggiungere e il problema che volete risolvere. È possibile utilizzare una moodboard per raccogliere immagini da fonti diverse, come immagini di stock, foto da riviste o foto proprie. Oggi è possibile utilizzare uno strumento di intelligenza artificiale per aiutarvi a raccogliere immagini per la vostra mood board. Basta inserire una query di ricerca e lo strumento vi mostrerà le immagini relative al vostro argomento. Potete utilizzare queste immagini per la vostra moodboard e creare una storia basata su di esse. È anche possibile creare un moodboard basato su immagini trovate dal computer. Questa funzione vi aiuterà a ottenere molte nuove idee e ad aggiungere varietà ai vostri contenuti visivi.

L’intelligenza artificiale può migliorare il flusso di lavoro

Molti designer e scrittori hanno già implementato l’IA nel loro flusso di lavoro e hanno notato un’enorme differenza. Supponiamo che dobbiate creare un articolo originale ogni giorno. Dovete fare molte ricerche e poi scriverle. È possibile utilizzare un potente strumento di intelligenza artificiale per risolvere questo problema. Esistono diverse applicazioni che utilizzano l’intelligenza artificiale per creare contenuti per blog, siti web e altri tipi di media. Questi strumenti utilizzano algoritmi basati sull’apprendimento automatico per rilevare ciò di cui si vuole parlare, ciò che i lettori vogliono leggere e ciò che i motori di ricerca vogliono vedere. Utilizzano anche algoritmi per comprendere la struttura del testo e creare un articolo ben scritto. Potete fornire a queste applicazioni gli argomenti che avete trattato in precedenza e loro creeranno contenuti originali per voi. È quindi possibile modificare gli articoli, aggiungere il proprio stile e pubblicarli.

L’AI può migliorare il flusso di lavoro

Questo è un altro vantaggio dell’IA nel flusso di lavoro. Se lavorate con un team e dovete tenere traccia di più progetti e attività, avete bisogno di un potente software di gestione dei progetti. La maggior parte delle applicazioni software per la gestione dei progetti sono progettate dall’uomo e hanno una funzionalità di base. L’intelligenza artificiale ha un grande potenziale per migliorare la gestione dei progetti, poiché è in grado di riconoscere immagini, volti ed emozioni. L’intelligenza artificiale può aiutarvi a gestire il vostro team, a tenere traccia dei progetti e a completare le vostre attività. In questo modo avrete la possibilità di concentrarvi sul pensiero creativo e analitico. L’intelligenza artificiale può anche aiutarvi a identificare i vostri potenziali clienti e a capire le loro esigenze.

Conclusione

L’implementazione dell’intelligenza artificiale nei settori della grafica e del copywriting offre numerosi vantaggi ed è ora che designer e scrittori inizino a sfruttarli. L’intelligenza artificiale, tradizionalmente considerata una minaccia, può in realtà aiutare i designer a creare contenuti migliori e gli scrittori a produrre più articoli. Grazie ai diversi modi in cui l’IA può essere implementata, è quasi certo che svolgerà un ruolo significativo nel futuro del design e della scrittura.


Questo articolo è un esperimento. È stato interamente scritto dall’intelligenza artificiale writesonic.com (e ha scelto in autonomia anche l’immagine! Image Source: FreeImages‍)


Questo articolo invece è stato scritto da un’intelligenza umana.

Potrebbe interessarti anche:

Sottosopra comunicazione

Sottosopra è prima un modo di essere. Poi un’agenzia di comunicazione, con un logo che la dice lunga sulla quadratura delle nostre campagne online e offline. Quale che sia il piano media o il budget, la nostra natura non cambia: abbiamo grovigli per la testa, sì. Ci caliamo nei panni dei clienti, contravveniamo alle abitudini, creiamo un groviglio di idee, ricaviamo un concept creativo solido e molto social. In genere coraggioso e non palloso.